+ Dal vangelo secondo Luca (21,34-36)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra.

Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

Nell’ultimo giorno dell’anno liturgico un invito alla leggerezza per iniziare il nuovo anno agile al soffio dello Spirito. Il cuore ancorato a terra non conosce il viaggio dell’amore, la meravigliosa spinta che ti accompagna. Buondì