Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, no array or string given in /web/htdocs/www.parrocchiasanlazzaro.it/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 298

Le Vetrate

Per ricordare il grande Giubileo del 2000 la nostra Chiesa di San Lazzaro si è arricchita di nuove vetrate progettate da Padre Costantino Ruggeri.

Padre Costantino è un frate francescano e un grande artista. Nel 1977 ha realizzato la sua prima Chiesa in Varese, dedicata a Santa Maria della Gioia. Finora ha progettato diciassette Chiese, tra le quali l’imponente Santuario della Madonna di San Francesco Saverio in Yamaguchi (Giappone).E noto soprattutto per le vetrate piene di luce e colori, cariche di simbologia.

Le vetrate poste a San Lazzaro presentano in modo simbolico la storia della Salvezza, dalla Creazione alla Redenzione.

Sono vetrate scintillanti di colori puri che permettono alla luce, in ogni momento e in ogni stagione, di creare sempre nuove atmosfere mistiche.

 

Sopra il battistero è raffigurato il Tau che, secondo l’Apocalisse, è il sigillo portato in fronte dagli eletti in cielo.

Il Tau, sigillo degli eletti, ci parla dell’eterna gioia del Paradiso attraverso lo splendore e l’iridiscenza dei colori

Nella vetrata della parte superiore della cappella, brilla la grande stella del mattino, emblema della Vergine.

L’Eucarestia, il pane dei forti, è radioso centro di questa vetrata per invitarci a farne il centro della nostra vita.

La croce, albero glorioso di salvezza, troneggia sul mondo ed esalta il sangue redentore.

In un atmosfera ancora informe, ecco il timido affacciarsi sulla terra dell’uomo.

Un fuoco sfolgorante, pieno di vita e di calore, raffigura lo Spirito che fa nuove e conserva tutte le creature.

La ricchezza e la bellezza del mondo della natura sono rappresentate dal grande fiore che si staglia nel cielo

Anche le acque e gli animali che guizzano in esse ci sono stati donati per farci felici e ci invitano a lodare il Signore.

Gli astri maggiori, il sole e la luna, cantano con il loro splendore un inno di riconoscenza al Creatore.

Tra cielo e terra, a dar vita e a governare il creato, l’occhio di Dio ci parla della sua onnipotenza e della sua misericordia.